Enterococcus faecalis: sintomi, cause e cura

L’Enterococcus faecalis è un batterio che si trova nel tratto enterico e che viene definito Gram positivo. Il batterio vive solitamente con un sistema parassitario nutrendosi delle sostanze che si trovano nella flora batterica intestinale senza creare problemi particolari.

In alcuni casi l’Enterococcus faecalis può però mutare la sua natura e trasformarsi in un batterio opportunista, che origina patologie anche molto pericolose. Il cambiamento dell’Enterococcus faecalis si nota con dei sintomi che sono leggermente variabili da uomo a donna, ma nel complesso simili.

Enterococcus faecalis sintomi

Enterococcus faecalis

Enterococcus faecalis

sintomi dell’enterococcus faecalis possono inoltre essere diversi nelle persone perché il batterio è associato a delle patologie dove l’origine va ricercata nelle infezioni, soprattutto quelle contratte a seguito di degenze nelle strutture ospedaliere e nei pazienti che hanno dovuto portare il catetere.

I sintomi comuni a uomo e donna sono la febbre, lo stordimento e la confusione. Si tratta di sintomi comuni e che difficilmente vengono associati alla presenza del batterio mutato, ma esso porta con sé infezioni all’apparto gastro urinario perché trova terreno fertile in tutti i distretti dell’apparto digerente, quindi vescica, colon e stomaco.

A seguito delle infezioni urinarie, l’Enterococcus faecalis si manifesta con bruciore in fase di minzione, deficit di controllo nella minzione e odore, quindi tracce di sangue nelle urine. Altri sintomi tipici sono la nausea, la mancanza di appetito, il nervosismo e il vomito.

Cerchi dei Prodotti naturali per Rimettere a posto il tuo intestino?

Scopri come Stare meglio

Sintomi uomo

I sintomi dell’Enterococcus faecalis nell’uomo sono legati alla difficoltà nella minzione, al bruciore ad essa connessa e anche al dolore che può irradiarsi all’osso pubico. Si tratta i sintomi comuni e che interessano l’apparto urinario e che nei casi più gravi possono sfociare in febbri, nausee e anche problemi a mangiare e nervosismo.

Sintomi donna

Nella donna l’Enterococcus faecalis presenta gli stessi sintomi dell’uomo, quindi difficoltà nella minzione, bruciore e anche perdite di urina dal cattivo odore. Inoltre il batterio può generare delle infezioni vaginali come anche la cistite, quindi si tratta sempre di problematiche legate alle vie urinarie. Il metodo migliore per intervenire nella donna e bloccare i sintomi è impiegare gli ovuli vaginali che riescono per loro natura a raggiungere l’area da trattare debellando il virus e ristabilendo quindi l’equilibrio e la funzionalità dell’apparato urogenitale.

Enterococcus faecalis cause

Le cause più comuni della mutazione dell’Enterococcus faecalis sono addebitabili alle permanenze nei reparti ospedalieri, soprattutto a seguito di trattamenti ricevuti in urologia e oncologia. Cause alternative possono essere ricercate anche nelle procedure mediche a carico del sistema gastro urinario, ma è verificato che anche l’acqua, il cibo in particolare i formaggi contaminati possono essere un veicolo, quindi una causa riconosciuta di infezione.

Di base l’Enterococcus faecalis non è un batterio cattivo, ma latente nell’organismo. Questo microbo è parte della flora batterica e qui è latente senza creare conseguenze. La sua pericolosità è legata solamente all’alterazione, quando il batterio muta forma e provoca quindi problematiche all’organismo.

Enterococcus faecalis contagio: come si prende?

Le infezioni maggiori da Enterococcus faecalis sono trasmesse in ambito ospedaliero, non a caso si parla di cosiddette infezioni nocosomiali.

La trasmissione umana (contagio) non è stata verificata, mentre è valutata la trasmissione attraverso cibi e acqua contaminata, quindi il batterio Enterococcus faecalis si prende soprattutto a seguito di degenze e di manovre effettuate a seguito di patologie riscontrate alle vie urinarie e se si mangiano o bevono alimenti o bibite contaminate, anche la semplice acqua.

Cerchi dei Prodotti naturali per Rimettere a posto il tuo intestino? Scopri come Stare meglio.

Enterococcus faecalis presenza nelle urine

Il batterio manifesta la sua presenza nelle urine quando vi sono problemi con la minzione che, nei casi più gravi, possono rivelare delle perdite di sangue. In questo caso è importante effettuare gli esami del caso, quindi l’esame delle urine e delle feci e il tampone vaginale nelle donne che rivelano la presenza dell’Enterococcus faecalis.

Enterococcus faecalis cure

Il problema sicuramente più spinoso che riguarda l’Enterococcus faecalis è legato alla sua resistenza alle cure antibiotiche, che invece dovrebbero debellarlo come avviene nel caso di molte altre tipologie di batteri. La sopravvivenza dell’Enterococcus faecalis è, infatti, molto lunga e può durare fino a 75 giorni nelle aree poco pulite della casa o nelle strutture pubbliche. La resistenza è ancor più lunga negli alimenti, basti pensare che il batterio può durare ben 6 mesi sui cibi come il formaggio e per diversi anni negli ambienti dove c’è una temperatura di -10 gradi.

L’Enterococcus faecalis può essere curato, ma il percorso è lento e purtroppo chiede molta pazienza a chi ne è stato colpito. Le ultime ricerche mediche hanno evidenziato che la terapia con farmaci combinati come dalfopristina e chinupristina, glicopeptidi, aminoglicosidi e beta-lattamici è efficace. Le dosi dei farmaci devono in ogni caso essere aumentate progressivamente perché vi è purtroppo il pericolo che il batterio sia in grado di sviluppare resistenza a seguito di cure prolungate.

Fra i farmaci utili per debellare l’Enterococcus faecalis vi sono quindi i lavaggi alle zone intime con Euclorina e gli specifici ovuli vaginali da impiegare dopo che gli esami del tampone vaginale o delle feci hanno rivelato la presenza del batterio.

Enterococcus faecalis rimedi naturali

La terapia per combattere l’Enterococcus faecalis è di base farmacologica, perché non vi sono rimedi naturali conosciuti che sono in grado di debellare completamente questo particolare batterio. Vi sono però dei prodotti che possono essere assunti per coadiuvare la guarigione e i rimedi naturali per l’Enterococcus faecalis più validi sono sicuramente i fermenti lattici.

I fermenti lattici vanno, infatti, a lavorare sul ripristino e sull’equilibrio della flora batterica, soprattutto nel caso di assunzione di antibiotici prolungata che debellano tutta la flora batterica, anche quella ‘buona’ e ovvero quella che fa bene al sistema gastro intestinale.

Fra i rimedi naturali utili da applicare si può inserire l’attenzione per l’igiene, in particolare all’igiene intima. Questa buona pratica aiuta, infatti a prevenire e anche a debellare le infezioni causate dal batterio. È quindi importante portare avanti una corretta igiene intima e del corpo e controllare il partner se si è scoperto di avere questa infezione in corso.

Enterococcus faecalis in gravidanza

Grazie al tampone vaginale e ad analisi specifiche delle feci si può individuare il batterio Enterococcus faecalis in gravidanza. Le donne in gestazione devono quindi rivolgersi al medico curante o al ginecologo di fiducia per comprendere quale cura è meglio adottare in questo caso. Di base vengono somministrati degli ovuli vaginali e viene richiesto di far controllare il partner, che può eventualmente trattare la parte con delle pomate a base di zinco.

5 Comments

  1. Alessandra
  2. Gianni Pancaldi
  3. MOnica
  4. Claudia

Lascia un commento