Diane pillola anticoncezionale: uso e effetti collaterali

Diane è un farmaco che è commercializzato nel nostro paese dalla casa farmaceutica Bayer Spa.

I principi attivi presenti in esso sono il Ciproterone Acetato ed l’Etinilestradiolo, e vengono impiegati per il trattamento di patologie androgeno-dipendenti, oppure per la cura dell’acne in forma moderata o grave, ed infine per trattare l’irsutismo femminile che compare in età fertile, oltre che come pillola anticoncezionale.

Pillola concezionale come funziona?

Il Ciproterone Acetato, come abbiamo accennato precedentemente, è uno dei due principi attivi presenti nella pillola, in grado di inibire l’azione da parte degli ormoni androgeni, presenti nell’organismo delle donne. Grazie a tale farmaco, si possono curare patologie che derivano da un eccesso di produzione di androgeni e dalla sensibilità verso gli stessi. Diane inoltre, riduce la funzionalità delle ghiandole sebacee, i primi responsabili della formazione di acne e seborrea.

Dopo soli 3 mesi di trattamento, l’acne si riduce sensibilmente, ed insieme ad essa anche la presenza eccessiva di grasso, sia sulla pelle del volto, che sui capelli. È particolarmente indicata per le giovani donne fertili che soffrono di irsutismo lieve e crescita della peluria nel viso. Per ridurre definitivamente la presenza di peli in eccesso sul volto, il paziente dovrà assumere per molti mesi questo farmaco.

Tale principio attivo inoltre, svolge anche un‘azione progestinica, per questo la sua sola somministrazione potrebbe determinare irregolarità del ciclo. Se associato all’Etinilestradiolo invece, il rischio di irregolarità del ciclo scompare. La somministrazione ciclica di questi due importanti ormoni, costituisce l’effetto combinato.

Diane è in grado anche di inibire l’ovulazione grazie alle modifiche del muco cervicale, per questo il suo impiego è utilizzato anche come anticoncezionale. Nonostante la pillola abbia anche questa effetto contraccettivo, non viene prescritta dai medici per questa finalità, ma esclusivamente per trattare patologie androgeno-dipendenti molto gravi.

Dopo circa quattro mesi di somministrazione e scomparsa della sintomatologia, consigliamo di interrompere il trattamento con Diane pillola anticoncezionale.

Diane pillola anticoncezionale

Il farmaco può essere nuovamente prescritto a seguito della ricomparsa dei sintomi. In caso il farmaco non dovesse funzionare, si consiglia di consultare tempestivamente il proprio medico, che a seguito di una visita si occuperà personalmente di prescrivere un differente terapia.

Controindicazioni di Diane pillola anticoncezionale

Il farmaco non è indicato se il paziente è affetto da ipersensibilità nota verso uno o più componenti presenti in esso, anche quando la manifestazione risale a diverso tempo prima. Sconsigliamo di somministrare Diane anche in presenza di ipersensibilità nota verso gli eccipienti come il lattosio, l’amido di mais, il talco, il magnesio stearato, il povidone 25.000, il povidone 700.000, il macrogol 6.000, il saccarosio, il calcio carbonato, l’estere etilenglicolico dell’acido montanico, il glicerolo 85%, l’ossido di ferro giallo ed i titanio diossido.

Nel caso in cui si stia somministrando un altro contraccettivo ormonale, Diane non deve essere assolutamente preso, come in presenza di coagulo di sangue, o se in passato si è sofferto di tale disturbo. Anche le malattie cardiovascolari e cardiache sono patologie per il quale non bisogna somministrare il farmaco, così come in presenza di ipotensione arteriosa, diabete, grassi nel sangue.

Se la paziente soffre di forte emicrania con conseguente disturbo della vista, non deve assumere Diane. Anche nel caso in cui si soffra di patologie agli occhi determinate da problemi di origine vascolare.

Il farmaco inoltre è controindicato in presenza di anemia falciforme, o se in passato si è sofferto di ittero o se si soffre di gravi patologie che interessano il fegato. Se la paziente ha avuto oppure ha un tumore ormonale o un tumore al fegato, il farmaco è sconsigliato. Le donne che soffrono di emorragie vaginali di origine sconosciuta non devono assumere il medicinale, come le giovani donne che non hanno ancora il ciclo mestruale regolare. È molto importante prima di intraprendere un trattamento a base di Diane, informare il proprio medico sullo stato generale di salute.

Diane pillola anticoncezionale: controindicazioni e interazioni con altri medicinali

L’assunzione di Diane in concomitanza con altri farmaci, potrebbe determinare interazioni, e per questo potrebbe essere necessario interrompere il trattamento. Diane interagisce con i seguenti medicinali e principi attivi:

1. Barbiturici
2. Carbamazepina
3. Primidone
4. Antiepilettici
5. Rifanpicina
6. Ampicillina
7. Fenitoina
8. Ciclosporina
9. Lamotrigina
10. Griseofulvina
11. Ritonavir
12. Tetracicline
13. Nevirapina
14. Contraccettivi orali
15. Iperico
16. Erba di San Giovanni

Posologia e prezzo di Diane

Il farmaco deve essere assunto in modalità regolare, perché se così non fosse, potrebbero manifestarsi emorragie vaginali intramestruali, oltre alla perdita delle proprietà contraccettive.

Tutte le compresse devono essere assunte con acqua naturale ogni giorno sempre alla stessa ora, seguendo l’ordine indicato presente sulla confezione. Se si assume Diane per la prima volta, la prima pillola deve essere assunta il primo giorno del ciclo mestruale.

Diane è un farmaco che rientra a far parte della classe dei farmaci A, proprio per questo viene rimborsato totalmente dal Sistema Sanitario Nazionale. Si può acquistare solo con prescrizione medica non ripetibile al prezzo di 6,73 euro per una confezione contenente 21 compresse.

Leave a Reply