Candida Albicans – Un fungo presente nel nostro corpo

La Candida Albicans è un fungo che colpisce il cavo orale, il tratto intestinale, la vagina e il pene. Esso appartiene alla famiglia dei Saccaromiceti e svolge un ruolo di rilievo nella digestione degli zuccheri attraverso il processo di fermentazione.

Scopriamo insieme cos’è realmente la Candida Albicans

La Candida Albicans, proprio come tutti i funghi, provoca delle micosi , che potenzialmente possono aggredire qualsiasi parte del nostro corpo. Il fungo in questione è un comune commensale di origine saprofita, ovvero un organismo che si nutre prevalentemente di materia organica morta, che vive nei latticini, oppure nei terreni e sulle mucose intestinali di gran parte degli individui sani.

Candida Albicans

 

Grazie alla ricerca, è stato possibile evidenziare, come migliaia di colonie di Candida Albicans, sono presenti sulle mucose orofaringee, gastrointestinali e vaginali nell’80% delle persone in buono stato di salute. Possiamo definire la Candida Albicans un lievito, che in determinati ambienti, vive benissimo con il corpo umano, e che partecipa alla digestione degli zuccheri.

Quali sono le cause che scatenano la Candida Albicans?

I fattori e le cause in grado di scatenare la Candida Albicans sono diversi, di cui i principali sono:

1. Somministrazione prolungata di farmaci antibiotici
2. Terapie immunosoppressive, utilizzate principalmente per trattare forme tumorali, artrite reumatoide e diverse malattie del sistema immunitario
3. Somministrazione prolungata di trattamenti a base di cortisonici
4. Diabete Mellito
5. Impiego della pillola anticoncezionale
6. Alimentazione squilibrata, ricchissima di zuccheri raffinati e povera di sostanze in grado di regolarizzare le difese immunitarie dell’organismo, come la vitamina A,C, Beta-Carotene e Zinco

I sintomi che si manifestano nelle donne affette da Candida Albicans

I sintomi in presenza di Candida Albicans, variano in base alla zona colpita dal fungo, ma tendenzialmente, quando questo attaca le donne, i sintomi che si manifestano sono a livello vaginale e si manifestano con:

1. Forte dolore
2. Prurito
3. Irritazione
4. Arrossamento
5. Perdite vaginali di colore bianco e dalla consistenza gelatinosa
6. Presenza di dolore durante la minzione
7. Macchie di colore bianco sulla pelle della zona vaginale
8. Bruciore durante i rapporti sessuali, che andrebbero evitati
9. Nervosismo
10. Insonnia

Sintomatologia nel bambino

Quando la Candida Albicans colpisce l’intestino dei bambini molto piccoli, la sintomatologia che si manifesta è molto varia e fastidiosa per il neonato:

1. Dermatite da pannolino, con comparsa di chiazze rosse sul sedere e nella zona genitale
2. Presenza di muco bianco all’interno della bocca, in particolar modo sulla lingua e sulle labbra
3. Muco nelle feci
4. Voglia di alimenti dolci
5. Mal di testa frequenti
6. Infezioni dell’orecchio
7. Congiuntivite
8. Congestione nasale
9. Tosse persistente
10. Affanno
11. Difficoltà sulla concentrazione e sull’apprendimento
12. Irritabilità
13. Nervosismo
14. Iperattività
15. Depressione

La sintomatologia che abbiamo appena elencato, non si manifesta contemporaneamente ed inoltre

non colpisce tutti i bambini.

Candida Albicans in gravidanza

I fattori in grado di modificare l’equilibrio della flora vaginale sono molteplici. L’elemento più comune è l’utilizzo prolungato di farmaci antibiotici, che sono in grado di distruggere i cosiddetti “batteri buoni”, come ad esempio i lattobacilli. Ma ad alterare tale equilibrio, possono essere anche le variazioni ormonali, che si manifestano nella donna durante la gravidanza. Questo accade in quanto gli estrogeni modificano il normale pH, influendo sulla flora vaginale e, per lo stesso motivo, anche l’assunzione della pillola anticoncezionale può creare uno stato ormonale molto simile alla gravidanza.

Farmaci per curare la Candida Albicans

Alcuni farmaci sono particolarmente indicati per trattare la Candida Albicans, ed hanno un ampio spettro di azione:

1. Antifungal e Elon Dual Defense: questi prodotti si possono acquistare sotto forma di polvere, liquido, o crema da applicare nella zona interessata due volte al giorno
2. Caneste: è possibile acquistare tale farmaco sotto forma di crema, soluzione, o polvere da applicare nella zona interessata
3. Gyne-Lotrimin e Gyne-Lotrimin-3: questi farmaci necessitano della prescrizione medica, e vanno inseriti in profondità nella vagina, mediante l’applicatore presente nella confezione
4. Miconazolo 2-4% crema vaginale, oppure 100-200 mg in ovuli vaginali: questi farmaci necessitano della prescrizione medica e devono essere somministrati in base alle modalità indicate dal medico.

Candida Albicans e dieta

L’alimentazione ha un ruolo importante per il corretto funzionamento del nostro organismo, specialmente quando ci si trova a dover combattere funghi ed infezioni. In presenza di Candida Albicans, la prima cosa da evitare, è il consumo di zuccheri semplici, in particolar modo di dolciumi, cioccolata, torte, biscotti, bibite zuccherate, e yogurt alla frutta zuccherati. È sconsigliato anche il consumo di frutta matura, così come tutti gli alimenti fermentati, ovvero formaggi, gorgonzola, pizza, focaccia, brioche e pane. Tra gli alimenti consigliati: aceto di mele, verdura, ovvero cicoria, tarassaco che stimola le funzionalità epatiche, ortaggi, frutta, cereali integrali senza eccedere, legumi, pesce, olio di semi, olio di oliva ed olio di lino.

Rimedi naturali per la Candida Albicans

Una volta stabilito il corretto regime alimentare in presenza di Candida Albicans, vi sono a disposizione una serie di erbe in grado di ridurre la durata della malattia:

1. Camomilla: grazie al suo potere lenitivo e sedativo, è in grado di combattere la Candida Albicans, sia vaginale che orale.
2. Malva: questa pianta è molto indicata in presenza di Candida Albicans orale, perché ha un potere antinfiammatorio.
3. Aloe Vera: il gel di questa pianta dona sollievo e freschezza, ed è particolarmente indicato per tenere sotto controllo tutti sintomi esterni della Candida Albicans genitale, specialmente nell’uomo.

Leave a Reply