Allergia alla soia: sintomi, cause, diagnosi e trattamento

L’allergia alla soia, spesso inizia nei primi anni di vita e solitamente si nota per una reazione al latte di soia. La maggior parte dei bambini supera l’allergia alla soia nei primi anni di vita, alcuni rimangono allergici anche in età adulta.

Un segno o sintomo dell’allergia alla soia è il prurito all’interno o intorno alla bocca. In rari casi, l’allergia alla soia può causare una reazione allergica pericolosa per la vita (anafilassi).

Se una persona o il suo bambino ha una reazione alla soia, deve rivolgersi ad un medico. I test possono aiutare a confermare l’allergia alla soia.

Avere un’allergia è fastidioso perché significa evitare i prodotti che contengono questo ingrediente, che può essere difficile perché molti alimenti, come carne di manzo, prodotti da forno, cioccolato e cereali per la colazione, possono contenere soia.

Allergia alla soia Sintomi

Allergia alla soia

Allergia alla soia

Per la maggior parte delle persone, l’allergia alla soia è scomoda, ma non è una cosa seria di cui preoccuparsi troppo, molto raramente, una reazione allergica alla soia può essere allarmante o pericolosa per la vita. I segni e i sintomi di un’allergia alimentare di solito si sviluppano nel giro di pochi minuti fino a poche ore dopo il consumo di un alimento contenente l’allergene.

I sintomi dell’allergia alla soia possono includere quanto segue:

  • Formicolio in bocca
  • Orticaria e prurito della pelle o desquamazione della pelle (eczema)
  • Gonfiore alle labbra, viso, lingua e gola o altre parti del corpo
  • Respiro sibilante, naso che cola o mancanza di respiro
  • Dolore addominale, diarrea, nausea o vomito
  • Arrossamento della pelle

È raro o quasi impossibile avere una reazione allergica grave (anafilassi) se si è allergici alla soia. È più probabile che si verifichi in persone che hanno anche l’asma o che sono allergiche ad altri alimenti oltre alla soia, come le arachidi.

L’anafilassi causa segni e sintomi più estremi, come i seguenti:

  • Difficoltà di respirazione causata da gonfiore della gola
  • Shock, a causa di un forte calo della pressione sanguigna
  • Pulsazioni  accelerate
  • Vertigini o perdita di coscienza

Allergia alla soia quando preoccuparsi?

Consultare il proprio medico di base o un medico specializzato nel trattamento delle allergie (allergologo) se si hanno sintomi di allergia alimentare poco dopo aver mangiato. Se possibile, consultare il medico durante la reazione allergica.

Richiedere un trattamento di emergenza in caso di segni o sintomi di anafilassi, come i seguenti:

  • Difficoltà a respirare
  • Impulso veloce e debole
  • Vertigini
  • Perdita di saliva o incapacità di deglutire
  •  arrossamento e sensazione di calore in tutto il corpo

Allergia alla soia Cause

Una reazione del sistema immunitario provoca allergie alimentari. Nel caso dell’allergia alla soia, il sistema immunitario identifica alcune proteine ​​di soia come nocive, che causano la produzione di anticorpi E (IgE) e immunoglobuline contro le proteine ​​della soia (allergeni). La prossima volta che si è in contatto con la soia, questi anticorpi IgE riconosceranno e diranno al sistema immunitario di rilasciare istamina e altre sostanze chimiche nel sangue.

L’istamina e altre sostanze chimiche del corpo causano una varietà di segni e sintomi allergici. L’istamina è responsabile, in parte, della maggior parte delle reazioni allergiche, tra cui naso che cola, prurito agli occhi, secchezza della gola, eruzioni cutanee e orticaria, nausea, diarrea, mancanza di respiro e shock anafilattico.

Sindrome da enterocolite indotta da cibo

Un allergene alimentare può anche causare ciò che è solitamente chiamato un’allergia alimentare tardiva. Sebbene qualsiasi alimento possa essere il fattore scatenante, la soia è una delle più comuni. La reazione, generalmente stimola vomito e diarrea, di solito si verifica delle ore dopo aver mangiato.

A differenza di alcune allergie alimentari, la sindrome da enterocolite indotta da proteine ​​del cibo viene solitamente risolta nel tempo. Come per le tipiche allergie alla soia, prevenire una reazione implica evitare cibi che contengono soia.

Fattori di rischio

Questi sono alcuni fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare allergia alla soia:

Storia di famiglia

Il rischio di allergia alla soia o ad altri alimenti è maggiore se altre allergie (come rinite allergica, asma, orticaria o eczema) sono comuni tra i membri della famiglia.

L’allergia alla soia è più comune tra i bambini, specialmente durante la prima infanzia.

In alcuni casi, le persone allergiche al grano, ai fagioli (legumi), al latte o altri alimenti, hanno anche reazioni allergiche alla soia. Inoltre, le persone allergiche alla soia possono avere risultati di test che indicano allergia ad altri legumi, ma possono invece essere mangiati senza problemi.

Se hai sintomi da allergia alla soia, evita gli alimenti che lo contengono.

Prevenzione allergia alla soia

Non c’è modo di evitare un’allergia alimentare.

Se sei allergico alla soia, l’unico modo per evitare una reazione è quello di evitare i prodotti a base di soia. Non è sempre facile sapere quali alimenti contengono soia, un ingrediente comune in molti alimenti.

Leggi attentamente le etichette dei prodotti alimentari. La soia si trova spesso in cibi inaspettati, tra cui carne in scatola e tonno, prodotti da forno, biscotti, barrette energetiche, burro di arachidi a basso contenuto di grassi e zuppe in scatola. Leggi le etichette ogni volta che acquisti un prodotto, perché gli ingredienti possono cambiare. Inoltre, controllare se l’etichetta “contiene soia” o “potrebbe contenere soia” appare sulle etichette del prodotto.

È possibile che l’olio di soia altamente raffinato non causi una reazione perché non contiene tante proteine ​​della soia. Allo stesso modo, è possibile che gli alimenti contenenti lecitina di soia non causino alcuna reazione.

Ma in generale, se un’etichetta include la parola “soia”, evita il prodotto. I prodotti da evitare includono, tra gli altri, i seguenti:

  • Latte di soia, tofu, gelato di soia e yogurt di soia
  • Farina di soia
  • Tofu
  • Tempeh
  • Salsa di soia e tamari
  • Olio vegetale, gomma vegetale, brodo vegetale e amido vegetale
  • Oltre a “soia”,  altre parole sulle etichette degli alimenti possono indicare che il prodotto contiene soia, tra cui:
  • Glicina max
  • Proteine ​​vegetali idrolizzate
  • Proteina vegetale idrolizzata
  • Proteine ​​vegetali testurizzate
  • Mono e digliceridi
  • Glutammato monosodico
  • Aroma artificiale
  • Aroma naturale

Leave a Reply