Tachicardia cause, sintomi e rimedi

La tachicardia è una condizione medica, che viene definita tale, quando la frequenza cardiaca a riposo supera i limiti della normalità di riferimento. Nei soggetti adulti, ad esempio, si manifesta quando in una condizione di riposo, la frequenza dei battiti supera i 100 al minuto.

La velocità del ciclo cardiaco, viene regolata grazie agli impulsi elettrici, che vengono distribuiti nel miocardio. Se le centraline e le reti elettriche hanno problemi, la frequenza del battito può aumentare, oppure scendere.

Le cause della tachicardia

tachicardia cause

tachicardia cause

La normale attività cardiaca, può essere influenzata da vari fattori, come la somministrazione di farmaci ad esempio, oppure una patologia a carico del cuore. Tramite il consumo di sostanze nervine, come il tabacco, il caffè oppure l’alcool o l’abuso di sostanze stupefacenti, come le amfetamine o la cocaina, possono determinare alterazioni a livello dei battiti cardiaci.

Anche lo stress eccessivo, l’ipertiroidismo, l’anemia, l’ansia (famosa la tachicardia da ansia), lo stato febbrile o una malformazione congenita o meno del cuore, ipersensibilità ad un medicinale, potrebbero determinare un danneggiamento delle funzioni cardiache.

È possibile inoltre che si verifichi in soggetti che assumo farmaci antiasmatici o antistaminici, che si manifesti la tachicardia iatrogena.

In condizioni fisiologiche normali, la tachicardia si manifesta dopo una intensa attività fisica oppure a causa di uno sforzo eccessivo o di una emozione molto intensa. Anche l’ansia ad esempio, scatenata da una visita medica, può far aumentare il battito cardiaco.

Tachicardia sintomi

Un cuore affetto da tachicardia, perde la sua normale attività ed armoniosità nell’alternare le contrazioni successivamente il rilassamento. Questo determina la compromissione nel normale apporto di sangue verso i distretti dell’organismo e tanti sintomi fastidiosi.

Con la sofferenza dei tessuti che sono scarsamente irrorati, si possono manifestare dei sintomi tipici della tachicardia.

Tra i vari sintomi troviamo:

  • dispnea,
  • palpitazione ovvero percezione molto fastidiosa del battito cardiaco,
  • sincope, ovvero svenimento,
  • vertigini e dolore toracico.

Tachicardia

Spesso può capitare, che la tachicardia si manifesta in alcuni soggetti priva di sintomatologia, e per questo, viene diagnosticata occasionalmente durante accertamenti di routine.

Ansia e tachicardia

L’ansia molto spesso, determina la tachicardia, che a sua volta non fa che aumentare la paura nel soggetto affetto. La tachicardia in questo caso, è uno dei sintomi più temuti oltre ad essere uno tra i più comuni.

Si tratta di un aumento consistente dei battiti cardiaci con oltre 100 battiti al minuto in una persona sana, e spesso si accompagna ad altri sintomi. Tale disturbo è molto temuto, specialmente da coloro che causa dell’ansia soffrono di attacchi di panico, perché si manifesta con maggiore intensità, e la persona colpita, teme ad un infarto o ad un problema cardiaco grave.

Questa paura, non fa altro che aumentare l’agitazione e di conseguenza l’ansia. Nella maggior parte dei casi, tali manifestazioni, solo solo dovuti dall’ansia e del tutto innocue. Non causano alcun problema che metta a repentaglio la vita del soggetto, ma solo tanta paura.

Se la tachicardia si manifesta per la prima volta, bisogna non allarmarsi, ma solamente consultare il medico, o lo specialista, che una volta escluse patologie cardiache vi diagnosticherà la tachicardia da ansia.

tachicardia da ansia

tachicardia da ansia

Cure naturali per contrastare la tachicardia da ansia

Quando l’ansia e dovuta allo stress, oppure ad un periodo particolare della nostra vita, e non influenza in maniera totale le nostre giornate, possiamo affidarci ad alcuni rimedi del tutto naturali che ora vedremo insieme cosa fare contro la tachicardia da ansia:

1. Passeggiata nella foresta all’aria aperta: questo metodo, è conosciuto in Giappone, e prende il nome di Shinrin Yoku, ovvero bagno della foresta. È uno dei metodi più economici e semplici per prendersi cura del nostro stato di salute e per alleviare l’ansia. Basta semplicemente camminare per circa trenta minuti in un bosco, dove regna l’assoluto silenzio. Studi medici hanno evidenziato, che grazie a questo metodo, si riducono gli ormoni dello stress.

2. Passiflora ed iperico: queste due piante, hanno un forte potere rilassante. La passiflora svolge una azione sedativa sul sistema nervoso centrale, mentre l’iperico tonifica il sistema nervoso, rendendolo così pronto a gestire l’ansia.

Controllare l’ansia con la respirazione

Spesso ci dimentichiamo di avere un potente rimedio per controllare l’ansia, ovvero la respirazione. Si tratta di un metodo molto semplice, basta infatti imparare a respirare con il diaframma. Per imparare, occorre immerge lo spirito nel basso ventre. La respirazione deve farsi bassa, in maniera tale da decongestionare il torace e tutti gli organi presenti, che in questo caso sono molto sovrastimolati.

–>> Scopri le nostre tecniche di rilassamento per combattere l’ansia

In presenza di ansia, il respiro si accorcia e di conseguenza quello che facciamo e respirare solo con i polmoni. Per respirare con il diaframma è importante inspirare col naso e successivamente chiudere la bocca, trattenere il fiato e dopo comprime l’aria con il diaframma, spingendola verso il basso. Nella fase seguente, bisogna espirare con la bocca molto lentamente.

Lascia un commento