Gambe pesanti e stanche cosa fare? Rimedi efficaci

Gambe pesanti, crampi, dolore ai polpacci. L‘insufficienza venosa degli arti inferiori causa forti disagi e più si va avanti con l’età e più questi disagi diventano grandi. Le gambe scalfite da vene gonfie non ci piacciono e spesso troviamo una soluzione nella chirurgia estetica.

Gambe gonfie sintomi

Le gambe gonfie e pesanti vengono spesso associate a sensazioni fastidiose o spesso anche dolorose: sensazioni di pesantezza o di gonfiore, possono anche essere associate a crampi, a dolori sulla superficie venosa o all’irresistibile voglia di muovere continuamente le gambe.

L’intensità ovviamente varia da soggetto a soggetto, ma in particolare le donne trovano molta difficoltà nel descrivere le sensazioni che percepiscono a polpacci e caviglie.

Questi spesso ricordano sensazioni di pizzicore, tensione e stanchezza che possono evolvere nel corso della giornata a seconda dell’attività lavorativa o personale che ognuno effettua nell’arco della giornata, riscontrando comunque un peggioramento verso la fine della giornata.

Gambe gonfie cause e complicazioni

All’origine della sensazione delle gambe pesanti ci possono essere moltissime ragioni ed altrettanti fattori aggravanti che possono andare a peggiorare i sintomi di insufficienza venosa.

I problemi che possono insorgere sono solitamente benigni, ma possono comunque andare ad inficiare la nostra quotidianità.

Il tutto può dipendere da molti fattori: quello ereditario, l’età, il peso, gli ormoni e lo stile di vita, il lavoro sedentario, la cattiva postura, l’assenza di attività fisica ed addirittura passare troppo tempo sui mezzi di trasporto come ad esempio autobus o automobili.

Per quanto riguarda il genere, solitamente le donne sono più toccate dal fastidio delle gambe pesanti e questo soprattutto a causa degli ormoni sessuali, ovvero estrogeni e progesterone e soprattutto in base alle loro variazioni.

Infatti, spesso il verificarsi delle gambe pesanti è più pronunciato a partire dalla pubertà, in caso di periodo premestruale, in gravidanza ed avvolte ai periodi precedenti alla menopausa.

Il peggiorare della sindrome delle gambe pesanti si ha anche nel caso di una cattiva regolazione ormonale, data da trattamenti come la pillola anticoncezionale o eventuali trattamenti ormonali sostitutivi della menopausa.

Da non sottovalutare inoltre la piaga del tabagismo, che in questo caso ha un pessimo effetto sulla circolazione venosa e di conseguenza aumenta il rischio di incorrere in gambe pesanti e gonfie.

Gambe pesanti e lo shiatsu

Facciamo fatica a stare in piedi per lungo tempo, se siamo in auto o in aereo, tutte queste situazioni faticose provocano l’insorgenza di una marcata stasi venosa e la comparsa di edema a carico dei piedi e gambe. Sono più colpite le donne, obese, con età superiore ai 50 anni.

Gambe pesanti

Gambe pesanti

Si stima che circa il 15-20% della popolazione generale presenta vene varicose a carico degli arti inferiori.

L’insorgenza di tali patologie può avvenire per vari motivi, anche in conseguenza di sport eccessivi seguiti magari da bagni turchi o saune bollenti.

Come può lo shiatsu tentare di alleviare il disagio delle gambe pesanti?

Lo shiatsu è una tecnica di riequilibrio energetico che stimola la vitalità dell’individuo.

Grazie a profonde pressioni, gestite con perpendicolarità da parte dell’operatore, vengono trattati i punti situati lungo i meridiani energetici collegati ai principali organi. Le principali vene dell’arto inferiore scorrono sostanzialmente lungo gli stessi percorsi dei meridiani.

Nella medicina tradizionale cinese – alla quale si rifà lo shiatsu – sono di centrale importanza l’elemento “sangue” e gli organi che lo governano. Le sostanze che formano il sangue hanno origine dall’essenza del cibo estratta da stomaco e milza, i due organi che vengono comunemente considerati la sorgente del sangue. Dopo essersi formato, il sangue circola normalmente nei vasi attraverso il corpo e viene comandato da Cuore, Fegato e Milza.

Il Cuore domina sangue e vasi e la forza propulsiva del Qi (la forza vitale) del Cuore è la base della circolazione sanguigna. Il Qi della Milza controlla il sangue e gli impedisce di fuoriuscire dai vasi.

Il Fegato promuove il libero flusso del Qi, immagazzina il sangue e ne regola il volume. La buona circolazione del sangue dipende dall’armonia delle funzioni di questi tre organi che, durante un trattamento shiatsu, vengono trattati secondo le modalità di esecuzione dei “kata” (schemi) insegnati dai maestri agli operatori.

Mai dimenticare, durante il trattamento, un buon uso della respirazione, forza indispensabile di spinta del sistema cardiovascolare.

Se questa terapia naturale ti è piaciuta, lasciati incuriosire anche da :

Gambe gonfie rimedi naturali

Se invece vuoi qualche rimedio naturale interamente fai da te, ti consiglio di rivolgerti in erboristeria per acquistare delle creme o gel apposite per gambe pesanti con ingredienti naturali, da massaggiare ogni sera sugli arti.

In particolar modo, dovrai ricercare creme che contengano piante come la Vite rossa, l’ Hamamelis, il Ruscus, i semi di Uva o l’ Ippocastano, che riescono a rafforzare notevolmente la tonicità venosa.

Un’altra sostanza che può risultare utile è la diosmina, un glicoside flavonico naturale, che se assunto come integratore può essere di aiuto in caso di pesantezza e stanchezza in caso di gambe pesanti, risultando un perfetto alleato soprattutto per tutte quelle persone che devono stare in piedi o sedute per lunghi periodi senza dunque andare a svolgere un movimento sufficiente, o ancora in persone particolarmente soggette alla fragilità capillare.

Gambe gonfie tisane

Un altro valido aiuto, non solo per combattere il fastidio delle gambe pesanti e gonfie ma anche per la ritenzione idrica, ci viene ancora una volta dall’impiego ed utilizzo di alcune erbe particolarmente adatte ad essere trasformate in deliziose e salutari tisane.

–>> Non perderti l’articolo sulle Tisane Drenanti efficaci

In questo caso dunque, scelte in particolar modo per le gambe pesanti, ti consigliamo di orientare la tua scelta verso erbe come il fieno greco ed il timo, in caso il tuo problema sia legato in particolar modo alla ritenzione idrica.

Un’altra ottima scelta è quella di utilizzare invece menta, foglie di mirtillo, centella asiatica, finocchio ed amamelide in caso invece il tuo problema sia legato al bisogno di una maggiore stimolazione sanguigna.

Ovviamente, sia in commercio che in erboristeria, esistono delle tisane già pronte, ma è sempre meglio rivolgersi comunque ad un esperto erborista per ricevere consigli su quali siano gli ingredienti più adatti a noi ed alla nostra problematica, soprattutto nel caso in cui si voglia acquistare delle tisane confezionate.

 

Lascia un commento