Croste nel naso: cause, sintomi e rimedi naso necco

“Mettere le dita nel naso” non è sicuramente un gesto femminile ed educato, ma a volte bisogna farlo per eliminare le crosticine nel naso. Non si tratta di una condizione patologica, piuttosto fastidiosa per chi ne soffre. Ma come vedremo più avanti in questo post, tantissimi sono i rimedi che si possono prendere in considerazione per poter eliminare tale problema.

Croste nel naso cosa sono e come si manifestano?

Le croste nel naso sono un sintomo di una particolare condizione, ovvero la rinite secca. Si tratta di un disturbo che provoca un disseccamento della mucosa nasale.

Ma come si manifesta ciò? E’ molto semplice: quando il muco aumenta in maniera consistente è chiaro che si rende difficoltosa la respirazione, pertanto si dovrà respirare con la bocca. Ma facendo ciò, la laringe tende ad irritarsi ed ecco che si avrà origine un disseccamento, sia per quanto riguarda la mucosa stessa che le vie respiratorie in generale. 

croste nel naso

croste nel naso

Croste nel naso sintomi

Chi è affetto da questa condizione, diversi sono i sintomi che si possono avvertire. Oltre alle croste nel naso, si possono manifestare altri segni:

Croste nel naso cause

Oltre all’ambiente frequentato, diverse possono essere le cause che provocano tale fastidio: presenza dell’aria condizionata, un clima troppo secco, inquinamento atmosferico, riscaldamento.

Ma oltre a ciò ci possono essere altri fattori che possono contribuire a rendere il naso secco:

  • La menopausa: la donna in questo periodo particolare della sua vita, si trova ad affrontare varie trasformazioni psicofisiche. Infatti è stato appurato che le mucose nasali in questa fase tendono a  seccarsi maggiormente
  • assunzione di alcuni farmaci utili per la decongestione nasale: se utilizzati per un lungo periodo si rischia di far divenire le narici secche
  • reazioni allergiche o un forte raffreddore possono innescare la formazione delle croste nel naso

Rimedi naturali

Esistono dei rimedi del tutto naturali che possono risolvere il problema. I suffumigi ad esempio, ci vengono in aiuto, in quanto permettono di purificare e liberare le vie respiratorie. Sono molto semplici da realizzare: basta aggiungere all’acqua, una volta portata ad ebollizione, qualche goccia di olio essenziale di eucalipto.

Respirare profondamente i vapori che la pentola emana per diversi minuti. E’ consigliabile fare i suffumigi la sera, prima di andare a letto.

Se le croste nel naso invece provocano dolore, anche l’olio di sesamo si rivela un buon coadiuvante. Applicare qualche goccia sulla zona interessata per diversi giorni. Oltre a questi consigli, bere delle tisane calde a base di zenzero, limone e miele.

Ma le croste nel naso molte volte sono associate a sanguinamento. Di conseguenza, per evitare le croste di sangue nel naso applicare nella stanza un deumidificatore.

Per rimuovere il materiale estraneo nelle narici, anzichè mettere le dita nel naso, che non è propriamente elegante, effettuare dei lavaggi con dell’acqua salata diverse volte al giorno.

La pratica è molto semplice: basta aggiungere all’acqua un po’ di sale mescolare per qualche secondo e poi metterne una piccola quantità in mano e  cercare di aspirarla all’interno del naso.

Eliminarla dopo 30 secondi con il respiro sospeso, ma per chi non è in grado di fare tale pratica, allora in questo caso vanno bene anche gli spray nasali a base di acqua marina come per esempio acqua di Sirmione.

Croste nel naso farmaci da usare

Se a provocare le crosticine nel naso è un’infezione batterica, il medico potrà prescrivere una terapia antibiotica, ma in tutti gli altri casi i rimedi naturali appena illustrati sono più che validi per risolvere il problema in questione.

Ci sono altresì dei piccoli e validi accorgimenti per prevenire tale condizione:

  • tenere la casa ben pulita
  • arieggiare l’abitazione tutti i giorni
  • sbattere coperte e lenzuola fuori dalla finestra in modo tale da evitare di respirare la polvere mentre si dorme
  • spolverare i mobili con un panno catturapolvere
  • utilizzare un deumidificatore all’interno della stanza.

Lascia un commento