Catarro verde cause in adulti e bambini e rimedi

Nella maggior parte dei casi, la presenza di catarro verde è indice di un’infezione a carico dell’apparato respiratorio. Diverse possono essere le cause che provocano l’insorgenza di tale disturbo.

Ma prima di addentrarci nell’argomento specifico, dobbiamo dapprima spiegare cos’è il catarro e quali sono i motivi per cui si forma.

E’ bene sottolineare che la produzione di muco all’interno del nostro organismo è una condizione assolutamente normale, perchè è proprio grazie ad esso che possiamo respirare correttamente.

catarro verde

catarro verde

Ma se a causa di un processo infiammatorio  a carico delle vie aeree il muco comincia a prodursi in maniera eccessiva, non potrà essere eliminato, ma si accumulerà dando vita al catarro (detto anche espettorato).

Quando il catarro tende ad accumularsi dunque, le vie aeree vengono ostruite provocando tosse e rinorrea (naso che cola e necessità di soffiarsi spesso il naso). A volte ci preoccupiamo quando sorgono questi sintomi, ma sono del tutto normali perchè si tratta di meccanismi che servono a liberare le vie respiratorie da questa sostanza.

Ovviamente in base alla causa scatenante, il muco si può presentare di diversi colori.

Catarro verde cos’è e come si manifesta?

Il catarro verde è il segno clinico di un’infiammazione delle vie aeree. E’ molto frequente nel bambino alla fine di un’influenza o di un raffreddore. Questa condizione nei pargoletti può perdurare per molto tempo, perchè difficilmente tendono a lamentarsi di questa situazione.

Come abbiamo appena illustrato, la produzione di catarro verde deriva da un accumulo di muco che si ristagna nelle vie respiratorie, dando vita ad infezioni batteriche. Ha un odore fetido e il muco è piuttosto denso.

Catarro verde sintomi e complicanze

La tosse è il sintomo che il corpo utilizza per rimuovere dalle vie respiratorie il catarro in eccesso. Ma oltre a questo sintomo, ce ne possono essere anche altri, ovvero

  • rinorrea,
  • febbre,
  • dolore al petto,
  • alitosi.

Quando questa condizione perdura per diversi giorni è bene rivolgersi al proprio medico curante in modo tale da evitare processi cronici. Il medico dunque, sottoporrà il paziente a diversi accertamenti:

  • esame microbiologico dell’espettorato: si tratta di un esame che serve a identificare il microorganismo responsabile di tale situazione
  • radiografica al torace: è un test che permette di vedere in maniera accurata i bronchi e i polmoni ed escludere polmoniti o bronchiti
  • spirometria: è un piccolo controllo che ha come finalità quella di verificare la capacità respiratoria del paziente affetto da tale problema

Catarro verde cause

Tantissime possono essere la cause scatenanti.

L’aumentata produzione di muco è sintomo di varie malattie a carico del tratto respiratorio, alcune possono essere di lieve entità come un comune raffreddore, il naso chiuso, la sinusite,  tappi di cerume, l’otite medio sierosa (patologia che colpisce l’orecchio medio, tipica dei mesi freddi)  altre invece un po’ meno come la bronchite cronica. 

Catarro verde rimedi naturali

In caso di catarro verde possono essere presi in considerazione i rimedi naturali, a patto però che non escludano o sostituiscono l’antibiotico perchè si tratta comunque sia nella maggior parte dei casi, di una condizione causata da un’infezione batterica, come visto in precedenza.

Naturalmente sarà il proprio medico curante il quale prescriverà il giusto trattamento da prendere in considerazione.

Detto questo torniamo ai rimedi naturali che si possono utilizzare per poter alleviare tale condizione:

Sicuramente i suffumigi rappresentano una valida soluzione per poter fluidificare il muco. Questa pratica va fatta almeno 2 volte al giorno mattina e sera.

Si può inalare il vapore acqueo con la sola acqua o con l’aggiunta di bicarbonato di sodio, o ancora con qualche goccia di olio essenziale di eucalipto o di menta. 

Molto utili sono anche le bevande calde soprattutto quelle a base di timo. Il timo è un’erba da giardino molto utile anche per le preparazioni culinarie. Grazie alle sue molteplici proprietà benefiche si rivela molto efficace come mucolitico naturale. Oltre alla tisana si può altresì preparare un decotto, mettendo a bollire un bicchiere d’acqua e due grammi di erba secca. 

La salvia si rivela molto utile. Si può preparare una tisana oppure uno sciroppo decongestionante. In quest’ultimo caso in un litro d’acqua bollire 200 gr di salvia. Lasciare riposare almeno 12 ore dopodichè filtrare il tutto in un setaccio. Per chi vuole, può aggiungere anche un cucchiaino di miele. Questo sciroppo aiuta non solo a sedare la tosse ma a rimuovere il muco in eccesso dalle vie respiratorie.

Il miele è un altro ottimo mucolitico naturale. Aggiungere un cucchiaino in una tisana ancora calda prima di andare a letto. E’ un valido alleato per combattere la tosse e per favorire la rimozione del muco. Nel caso in cui è presente un’infezione ai bronchi si può preparare un cucchiaio di miele con l’aggiunta di qualche goccia di limone.

Catarro verde e farmaci da utilizzare

La terapia viene effettuata dal medico dopo averne accertato la causa. Generalmente vengono prescritti farmaci antinfiammatori non sterodei, con effetto analgesico e mucolitico. Ma se il catarro verde è dovuto ad un’infezione batterica e non ad un semplice raffreddore, in questo caso bisogna utilizzare l’antibiotico apposito per combattere il germe che ha causato l’infezione stessa.

Oltre all’antibiotico, il principio attivo che spesso viene prescritto è l’acetilcisteina, ovvero una sostanza dall’azione mucolitica.

Si raccomanda vivamente di attenersi alle indicazioni del proprio medico in modo tale da non peggiorare la situazione e incorrere di conseguenza a degli effetti collaterali anche gravi.

Leave a Reply