Camomilla benefici, tisana e in gravidanza

La Camomilla che tutti noi conosciamo è una pianta erbacea annuale che appartiene alla famiglia delle Astaraceae, del genere Matricaria. La Camomilla si presenta esteticamente con una radice a fittone ed un portamento cespitoso con numerosi fusti che partono dalla base, e che si ramificano verso la porzione superiore.

Solitamente la pianta della Camomilla non supera i 50 centimetri nella versione spontanea, mentre la varietà coltivata può raggiungere gli 80 centimetri. Questo vegetale rientra a far parte delle piante aromatiche. Le foglie presenti in essa sono alterne e sessili oblunghe, mentre la lamina è bipennatosetta o tripennatosa dove sono presenti lacinie lineari stretti.

Le infiorescenze sono riunite in capolini dalla piccole dimensioni con ricettacolo dalla forma di cono e concavo. I fiori che si trovano esternamente invece, hanno la ligula di colore bianco, mentre quelli interni sono tobulosi ed hanno la corolla gialla.

I capolini sono riuniti in cime corimbose ed hanno un diametro di massimo 2 centimetri. I fiori emanano un odore gradevolmente aromatizzato, ed al loro interno contengono un’essenza caratteristica costituita dal principio attivo che prende il nome di azulene, insieme alla mescolanza di altre sostanze come l’acido salicilico, l’acido oleico, l’acido stearico ed infine l’alfa-bisabololo.

Il frutto della camomilla è una cispela dalla lunghezza di un millimetro, priva di pappo e di colore chiaro.

Camomilla benefici

Camomilla benefici

Camomilla benefici

Una dei benefici principali della camomilla è quella antispasmodica, proprio come la melissa, ovvero che conferisce al corpo rilassamento muscolare, grazie alla presenza dei suoi fitocomplessi dei flavonoidi come la Eupateletina e la Quercimetrina e la Cumarina.

Con la combinazione di tali principi attivi, la camomilla ha ottimi benefici rilassanti, impiegato principalmente in caso di crampi intestinali, cattiva digestione, sindrome dell’intestino irritabile, dolori mestruali, spasmi muscolari ed anche in presenza di tensione nervosa e forte stress, perché determina sull’organismo una sensazione piacevole di rilassamento grazie all’effetto calmante sul nervosismo e sull’ansia.

Grazie a questa pianta ed ai suoi benefici, si possono realizzare delle ottime tisane utili ad eliminare i gas intestinali ed in grado di favorire la digestione, provocando un lieve miglioramento delle funzionalità dell’apparato gastroenterico.

La camomilla, proprio come la malva, è dotata di benefici naturali antinfiammatorie, grazie all’azione protettiva che esercita sulla mucosa da parte delle mucillagini e dall’olio essenziale. Proprio per questo viene molto impiegata come rimedio naturale lenitivo, decongestionante, calmante, e addolcente.

Viene utilizzata anche per quello che interessa qualsiasi tipologia di irritazione dei tessuti esterni come la dermatite, le ferite, le ulcere, la gastrite la congiuntivite, le irritazioni del cavo orale, gengivite ed infiammazioni dell’apparato urogenitale.

La pianta viene utilizzata con molto successo anche come antidolorifico in caso di mal di denti, mal di testa, sciatica, dolori alla cervicale e mal di schiena. Queste proprietà derivano dagli acidi organici come quello salicilico, oleico e stearico, ed anche grazie ai lattoni, che conferiscono alla pianta virtù antiflogistiche molto simili al cortisone.

Tisana alla camomilla per calmare l’ansia

Tisana alla camomilla

Tisana alla camomilla

Come abbiamo introdotto la camomilla ha proprietà rilassanti sul nostro organismo, per questo la sua tisana viene utilizzata moltissimo in periodi di forte stress, che determinano la comparsa di crisi di ansia.

Potete realizzare in casa la tisana alla camomilla in maniera molto semplice sotto forma di infuso. Utilizzate due cucchiaini di fiori freschi o essiccati per tazza, oppure con le classiche bustine che si trovano in commercio.

Inoltre con i fiori di camomilla si possono realizzare decotti portandone ad ebollizione un cucchiaio in mezzo litro di acqua in un pentolino.

Studi sui benefici della camomilla

Se rientrare a far parte di quella cerchia di persone che consuma mele durante la giornata per dar credito al detto “Una mela la giorno toglie il medico di torno”, sappiate che vi siete sbagliati al riguardo.

Non è questo frutto ad allungare la vita, ma bensì la camomilla. Ovvero la classica bevanda dal profumo inconfondibile e delicato, che ci ha fatto compagnia sin da piccoli, specialmente quando non riuscivamo ad addormentarci, oppure nelle notti insonne prima di un esame scolastico, o durante forti mal di pancia.

Grazie a diversi studi condotti dall’Università del Texas su donne e uomini per un lungo periodo di circa sette anni, si è evidenziato una sconvolgente verità. Circa il 14% delle persone che ha fatto uso abituale di camomilla per rilassare l’organismo, ha contrastato il rischio di decesso prematuro del 29%.

Secondo gli ultimi studi condotti, sia la camomilla, che erbe simili, hanno un potenziale molto elevato e benefico per l’organismo umano. Tra i tanti effetti positivi che derivano dal consumo della camomilla troviamo:

1. Riduzione del colesterolo
2. Potere antiossidante
3. Potere antinfiammatorio
4. Effetto calmante in caso di ansia
5. Effetto calmante in presenza di disturbi della digestione

La camomilla dunque è un vero toccasana sia per corpo che per la mente, perché in grado di rilassare e lenire tutte le infiammazioni che derivano da stati nervosi ed ansiosi. Possiamo considerare quindi che la camomilla è un vero elisir di lunga vita, facile da reperire e dal costo contenuto.

Camomilla in gravidanza

Camomilla in gravidanza

Camomilla in gravidanza

La Camomilla in gravidanza, se consumata in quantità esagerate, può causare contrazioni uterine.

Camomilla e zenzero, che hanno ottime proprietà terapeutiche per varie problematiche, in gravidanza non sono consigliati soprattutto se abbinati. che abbinati hanno molteplici virtù, possono rappresentare una scelta non sempre sicura. Tuttavia, se il consumo della camomilla è relativo ad una tazza un paio di volte a settimana, non è rischioso. 

Lascia un commento