Attacchi di panico notturni cosa fare?

Ci possono essere molte ragioni per cui tante persone soffrono di attacchi di panico notturni, e il cercare di comprendere questi motivi è di certo il primo passo da fare per capire come combattere l’ansia.

Se si sa cosa ci turba, si può agire per limitare il problema o almeno diminuirne la frequenza e di molto.

In primo luogo, bisogna tenere presente che molti attacchi di panico notturni sono semplicemente la reazione del cervello ad alcuni squilibri chimici che a volte si possono verificare al suo interno.

In questi casi, di norma il cervello dovrebbe rilasciare una sostanza chiamata serotonina, che aiuta a sentirsi calmi e rilassati. Tuttavia, quando il corpo non ne produce in quantità adeguata, ne possono derivare crisi di panico o ansia.

Cause degli attacchi di panico notturni

E’ chiaro che quando una persona finalmente va a letto dopo una giornata super impegnata, durante la quale il cervello è stato distolto da eventuali pensieri negativi, una volta al buio, in posizione di riposo, tutte le energie negative eventualmente presenti tornano alla superficie ed emergono con forza. Improvvisamente si inizia a pensare a tutto ciò che ci rende preda del panico e dell’ansia.

La ricerca ha mostrato come alcuni alimenti possono scatenare in certi soggetti degli attacchi di ansia durante la notte: la caffeina e lo zucchero di solito rendono nervosi, così come l’alcol, mentre alcune persone hanno mostrato una particolare sensibilità ad altri alimenti, come i farinacei, le arachidi, e così via.

Chi si sta informando su come combattere l’ansia, può provare ad evitare di ingerire questi alimenti prima di coricarsi e prendere delle goccioline naturali per dormire meglio.

Attacchi di panico notturni cosa fare?

Bisogna inoltre imparare a controllare i propri gesti e pensieri quando è ora di andare a letto, sforzandosi di mettere da parte tutti i pensieri negativi. A volte una semplice risposta su come combattere l’ansia consiste nel dire a noi stessi che c’è tutto il tempo di preoccuparsi di queste cose l’indomani.

Per allontanare lo scenario che porta agli attacchi di panico notturni, create attorno a voi un’atmosfera positiva, leggete un buon romanzo, guardate un film allegro, o godetevi un buon bagno caldo.

Se, nonostante tutto, gli attacchi di panico notturni arrivano, è fondamentale che impariate a gestire i vostri pensieri negativi.

Tutti gli esperti, quando interrogati su come combattere l’ansia nel periodo notturno, concodamente affermano che non bisogna stare a letto per tutta la notte in attesa di addormentarsi: è raccomandato piuttosto di alzarsi e fare qualcosa di diverso, in un’altra stanza, finché non si ha veramente sonno, e di mantenere i pensieri negativi e le preoccupazioni fuori dalla camera da letto.

Se tutto quello che hai non aiuta, allora è forse arrivato il momento di parlare con il medico riguardo alle varie opzioni di trattamento che possono essere adatte alla vostra situazione.

4 Comments

  1. toni
    • Morena
  2. Andrea Butkovic
  3. Morena

Leave a Reply