Tisana al finocchio: proprietà, e controindicazioni in gravidanza

Il finocchio è un vegetale che rientra a far parte della famiglia delle Ombrellifere, e possiede tantissime proprietà digestive. Grazie al suo quantitativo di rilievo di vitamine e sali minerali, esso è molto noto per le sue qualità depurative.

Oltre ad avere proprietà che favoriscono le normali funzionalità digestive, è amico anche dell’apparto gastrointestinale. È in grado di assorbire ed evitare la formazione dei gas intestinali, ed inoltre contiene anetolo, ovvero una sostanza in grado di agire in presenza di contrazioni addominali.

Il finocchio, inoltre, possiede proprietà depurative che vanno ad agire in maniera particolare sul fegato e sul sangue. Tra le tante qualità di questa pianta dobbiamo citare anche il suo grande potere antinfiammatorio.

Esso è composto principalmente di acqua, mentre per quanto riguarda i sali minerali presenti, e le vitamine, abbiamo il potassio, la vitamina A, la vitamina C ed alcune vitamine appartenenti al gruppo B. Il frutto è ricchissimo di flavonoidi ed apporta un valore energetico molto basso, perché contiene poche calorie.

Tisana al finocchio

Tisana al finocchio

Tisana al finocchio

La tisana al finocchio è un rimedio naturale utilizzato principalmente per facilitare la digestione, e svolge un’azione benefica in tutto l’apparato digerente, a partire dalla bocca fino all’intestino con proprietà depurative.

Per realizzare la tisana basta semplicemente mettere in infusione i semi freschi schiacciati in abbondante acqua bollente, e consumare la bevanda più volte durante l’arco della giornata.

Sin dai primi sorsi è possibile avvertire l’azione della tisana sull’organismo, perché in grado di stimolare la salivazione. Una volta che la bevanda ha raggiunto lo stomaco, e successivamente l’intestino, questi favoriscono anche la motilità, ovvero tutta quella serie di movimenti peristaltici che consentono al cibo di raggiungere il tratto gastrointestinale.

Clicca qui per accedere subito alla Guida per un intestino sano: è gratuita ed ha già aiutato migliaia di persone in tutta Italia a ritrovare il proprio benessere intestinale!

Finocchio

Ora in breve elencheremo gli effetti benefici della tisana al finocchio:

1. Azione carminativa: riduce la formazione e favorisce l’espulsione dei gas nello stomaco e nell’intestino calmando in questa maniera i fastidiosi disturbi provocati dall’aerofagia.

2. Stimola e regola il normale processo digestivo

3. Aiuta a rilassare la muscolatura liscia dell’addome, proprio per questo è particolarmente indicato per lenire i dolori mestruali.

Finocchio in gravidanza ed allattamento controindicazioni e consigli

Il consumo di determinate tisane durante la gravidanza può essere dannoso per la gestazione, mentre altre risultano essere innocue ed offensive, e quindi possono essere consumate in qualsiasi momento della vita.

finocchio in gravidanza

finocchio in gravidanza

La tisana al finocchio in gravidanza rientra a far parte del primo gruppo, ovvero delle tisane che sono sconsigliate durante la gestazione. A lanciare l’allarme a riguardo è stato un team di ricercatori dell’INRAN, ovvero dell’Istituto Nazionale per la Ricerca sull’Alimentazione e Nutrizione, condotto dal medico Antonio Raffo e successivamente pubblicato su “Food and chemical toxicology”.

Secondo alcuni nutrizionisti, il finocchio viene utilizzato molto spesso per ridurre il gonfiore degli occhi, ma anche per favorire la produzione di latte materno dopo il parto, quindi è deducibile che il suo consumo sia consigliato durante l’allattamento.

Inoltre è molto utile per calmare le coliche addominali che si manifestano nei neonati, ma contiene però l’estragolo, ovvero una sostanza che se assunta in quantità elevate, può nuocere gravemente alla donna in gravidanza.

L’estragolo nel 2001 era stato riconosciuto come sostanza cancerogena e genotossica in tutta Europa, a tal punto da bandire l’aggiunta anche come aromatizzante. Essendo presente in buonissime quantità nel finocchio, ne consegue che il suo consumo in gravidanza è sconsigliato, perché una volta portato ad una temperatura elevata tramite l’acqua calda, è in grado di rilasciare tutti i principi attivi presenti in questa erba.

Se assunto in quantità regolari il finocchio ha moltissimi benefici anche durante la gravidanza, sia a livello digestivo che depurativo, ed essendo ricchi di acqua, favoriscono l’eliminazione dei liquidi, in maniera tale da favorirne la depurazione. In conclusione dunque, se utilizzato in quantità limitate, si può consumare in gravidanza.

Controindicazioni del finocchio

Il consumo del finocchio, sia in tisana sia sotto altre forme come rimedio naturale, può determinare la comparsa di reazioni allergiche che si manifestano tendenzialmente con la comparsa di rossore nella zona intorno alla bocca, e prurito persistente.

I soggetti che stanno assumendo ciprofloxacina, ovvero un farmaco antibiotico, dovrebbero evitare il consumo della tisana al finocchio, perché la somministrazione in concomitanza dei due prodotti, potrebbe ridurre l’effetto farmacologico.

L’Agenzia Europea dei Medicinali oltre 10 anni fa in seguito al riconoscimento dell’estragolo come sostanza potenzialmente tossica e cancerogena, ha sottolineato che il consumo di finocchio non è raccomandato nei bambini con età inferiore ai 4 anni.

Tutto questo non deve creare allarmismo, perché come abbiamo descritto il finocchio può essere un valido aiuto in presenza di coliche addominali nei bambini piccoli, l’importante è non abusarne.

One Response

  1. giuseppe

Lascia un commento