Dieta dei tre giorni: menu e cosa mangiare

La dieta dei tre giorni nasce come sistema per i malati di cuore in sovrappeso che devono dimagrire velocemente. Tuttavia negli ultimi tempi è stata adottata anche da chi non presenta problemi di salute particolari ma vuole perdere in poco tempo molti chili.

La dieta dei tre giorni si caratterizza per avere un contenuto calorico basso e di privilegiare le proteine invece dei grassi e dei carboidrati.

Clicca qui per passare direttamente al menu, anche se ti consigliamo di leggere attentamente le righe che seguono prima.

Il metabolismo diventa molto più attivo (anche del 70%) proprio per il fatto di dover digerire e assimilare una grande quantità di proteine: infatti queste sostanze hanno bisogno di circa 10-12 ore per essere assorbite. Oltre a essere molto complesse, le proteine occupano per ore lo stomaco e l’intestino, dando una sensazione di sazietà prolungata: di conseguenza si tende a mangiare di meno.

Bisogna comunque tenere a mente che l’assimilazione delle proteine produce una gran quantità di scorie: per questo motivo la dieta copre un breve arco di tempo e si deve bere molta acqua per depurare l’organismo. Si può ripetere lo schema per quattro volte al massimo, tenendo conto che non è prevista attività fisica.

Questo rimedio è diventato molto popolare, ma perché il trattamento abbia un buon esito e si perda definitivamente peso è necessario mantenere i risultati ottenuti una volta che la dieta è terminata.

Per questo motivo si deve far seguire una dieta di mantenimento appena finita la dieta dei tre giorni nei quattro giorni seguenti.

Dieta dei tre giorni

Dieta dei tre giorni menu

La dieta dei tre giorni consente di dimagrire in un mese anche 5-6 chili, tuttavia bisogna rispettare scrupolosamente il programma e le porzioni, senza fare variazioni: si evita così di mangiare troppo.

Sono previsti tre pasti, cioè colazione, pranzo e cena.

Dieta dei tre giorni primo giorno

Colazione

Il primo giorno a colazione bisogna consumare una fetta di pane tostato con un po’ di marmellata (un cucchiaio), 1/2 pompelmo, tè o caffè nero;

Pranzo

il pranzo invece è costituito da una fetta di pane tostato e 125 grammi di tonno al naturale, accompagnati da tè o caffè nero.

Cena

Infine per cena si mangiano 250 grammi di barbabietole e altrettanti di fagiolini, 90 grammi della carne che si preferisce, 125 grammi di gelato alla vaniglia e una piccola mela.

Dieta dei tre giorni secondo giorno

Ecco il menu del secondo giorno della dieta dei tre giorni.

Colazione

La colazione del secondo giorno prevede un uovo sodo, 1/2 banana, una fetta di pane tostato, tè o caffè nero a piacere;

Pranzo

il pranzo è composto da cinque cracker salati e da 250 grammi di fiocchi di formaggio.

Cena

La sera invece si assumono due hamburger vegetali con contorno di 125 grammi di carote e 250 grammi di broccoli; si chiude con 125 grammi di gelato alla vaniglia e 1/2 banana.

Dieta dei tre giorni terzo giorno

Colazione

L’ultimo giorno la dieta prescrive alla mattina una colazione più leggera, a base di una fetta di pane tostato, un uovo sodo e tè o caffè nero.

Pranzo

A pranzo si consumano cinque cracker salati, una fetta di emmental o di un formaggio simile, tè o caffè e una piccola mela.

Cena

Si chiude la sera con 250 grammi di fagiolini, 125 grammi di barbabietole o di carote, 250 grammi di tonno al naturale, una mela o 250 grammi di melone (anche quello invernale a seconda della stagione) e 125 grammi di gelato alla vaniglia. Si tratta di abbinamenti giusti ed equilibrati, che prevedono orari precisi e una suddivisione rigorosa per l’assunzione di proteine, carboidrati oppure zuccheri.

Dieta dei 3 giorni, cosa mangiare nei giorni successivi?

Il ciclo dimagrante comprende quattro giorni di dieta di mantenimento, che si basa su di un’alimentazione equilibrata, così da consolidare i risultati ottenuti. In genere si adotta uno specifico regime alimentare tenendo conto del proprio stile di vita e delle proprie preferenze in fatto di cibi.

Si effettuano tre pasti al giorno, intramezzati da due spuntini:

  • ad esempio la colazione può essere composta da una tazza di latte vegetale oppure un vasetto di yogurt,
  • biscotti secchi (in alternativa possono essere sostituiti da cereali, fette biscottate o pane comune),
  • un frutto a piacere e due cucchiaini di marmellata oppure di miele.
  • un centrifugato di frutta

Lo spuntino di meta mattinata comprende uno yogurt alla frutta oppure un frutto a piacere, mentre il pranzo consiste in una prima portata a base di 70-80 grammi di riso o pasta con un semplice condimento, ad esempio un leggero sugo di pomodoro e basilico oppure fatto con verdure; sono previsti anche un contorno di verdura e frutta.

La merenda del pomeriggio consiste in frutta oppure in un piccolo gelato alla frutta, soprattutto in estate.

Infine la cena consiste in  200 grammi di pesce o 150 grammi di carne ovviamente per chi non è vegetariano o vegano; solo una volta nel ciclo dei quattro giorni si può sostituire la carne o il pesce con 150 grammi di formaggio magro, ad esempio fiocchi di latte, ricotta oppure mozzarella. Il tutto è accompagnato da una fetta di pane, un contorno di verdura e un frutto.

In ogni caso il pasto al mattino deve essere abbondante ed essere composto da frutta, latticini (latte o yogurt), cereali e altri alimenti semplici. I carboidrati vanno assunti soltanto durante il pranzo, mentre la cena prevede molte proteine. Per quanto riguarda i contorni di verdura, devono essere abbondanti e possono essere crudi oppure cotti: in quest’ultimo caso bisogna fare attenzione all’olio extravergine di oliva, perché si tratta di un alimento molto calorico. Si consiglia quindi di usare il brodo per soffriggere e per insaporire le verdure e di usare al giorno soltanto 3 cucchiai di olio.

Cosa bere nella dieta dei tre giorni

Durante la dieta dei tre giorni non bisogna assumere infusi a base di acqua e limone per depurare l’organismo. Si consiglia di assumere succhi di frutta e tè in grande quantità, considerando anche il fatto che una notevole percentuale del peso perso è rappresentata dall’eliminazione dei liquidi dell’organismo.

Per questo motivo si ha da un lato una veloce e consistente perdita di peso, correlata a un notevole cambiamento fisico, e dall’altro il rischio di non mantenere a lungo i risultati se successivamente non si presta attenzione alla propria alimentazione. Per contrastare l’accumulo di sodio e di liquidi nei vasi sanguigni e nei tessuti si consiglia di assumere bevande diuretiche, come il caffè e il tè: in questo modo si favorisce la perdita di peso.

Leave a Reply