Ansia da separazione: come gestirla affinché il cane non soffra

Ansia da separazione cane

Tutti noi siamo affetti da una certa ansia da separazione nell’istante in cui dobbiamo allontanarci da qualcuno a cui vogliamo bene. Questo succede nelle persone adulte, nei bambini e anche ai nostri cani quando li dobbiamo lasciare purtroppo da soli.

Tendiamo a mostrare tristezza, dolore e avvertiamo una sorta di ansia prendere possesso della nostra mente con comportamenti a volte non molto maturi, come scene di gelosia, musi lunghi e dispetti.

Ansia da separazione cane

Ansia da separazione cane

È più frequente nei bambini in tenera età soprattutto quando arriva il fatidico momento del primo giorno d’asilo. Questo perché i più piccoli tendono a vedere la separazione come un abbandono e non come evento momentaneo.

Questa ansia da separazione accade anche al nostro amico cane che, non avendo purtroppo altro modo di farsi capire con noi, comunicano con gesti e atteggiamenti a volte incomprensibili e tendenti al puro capriccio e all’attacco di panico.

Qualche esempio? Ti sei mai ritrovato a doverlo sgridare perché al tuo ritorno hai trovato il barattolo di sale in mille pezzi con quella poltiglia bianca proprio dove avevi lavato qualche ora prima? E i suoi bisogni sul tappeto? E i continui abbai e miagolii che tanto danno fastidio ai tuoi vicini?

Sono i classici sintomi da ansia da separazione nel cane, il quale cerca i farci comprendere che ha paura di essere lasciato da solo.

Se in questi comportamenti riconosci il tuo amato e tenero Fido, non preoccuparti. Si tratta di un problema che può essere risolto tnquillamente con tanta pazienza, niente che un po’ di coccole e la giusta educazione non possono attutire con buona pace dei tuoi vicini di casa.

In questo articolo ti mostro cinque trucchi per far sentire il tuo pelosetto a suo agio quando devi assentarti per qualche ora da casa.

Ansia da separazione cane cosa fare?

1. Rendi le tue uscite un’abitudine

Come per ogni sentimento ed emozione ansiotica, anche in questo caso la parola d’ordine è pazienza. Tutto quello che dovresti fare per calmare l’ansia da separazione e la tensione del tuo amico più fidato è quella di rendere la tua assenza una specie di abitudine.

Quando esci di casa fagli capire che tornerai. Di volta in volta aumenta il periodo che trascorri fuori di casa senza di lui, con il tempo imparerà a capire che dovunque tu vada alla fine tornerai sempre.

2. Stancalo

Prima di uscire, trascorri del tempo insieme a lui. Gioca con lui, carezzalo, coccolalo. Fagli sentire il suo affetto. In questo modo capirà che non lo vuoi abbandonare, ma hai semplicemente bisogno di fare delle commissioni importanti e andrai in un posto dove lui certamente si annoierebbe.

3. Per contrastare l’ansia da separazione nel cane evitagli le distrazioni

Se il tuo amico impazzisce alla sola visuale del postino, prova a chiudere le tende che danno sul portone per bloccargli la vista. Se, invece, sono i suoni esterni a dargli fastidio, distrailo con della musica o con le voci che provengono dalla televisione: così facendo non si sentirà solo e avrà compagnia anche quando non ci sei.

4. Non ricordargli la tua assenza

I nostri amici a quattro zampe, come ogni essere vivente, hanno dei ricordi che portano sempre con sé. Una palla o anche il semplice guinzaglio possono riportargli alla mente i momenti divertenti che trascorre insieme a te e scatenandogli un’ondata di ansia.

Quando sei costretto ad assentarti, nascondi ogni oggetto che possa ricordargli di te e tirali fuori come premio al tuo ritorno.

5. Donagli calore

Un impacco caldo o una semplice coperta possono essere un valido supporto nel calmare e assopire le sensazioni di ansia da separazione negli animali.

A volte basta davvero poco per tranquillizzare i nostri pelosetti, tutto quello di cui hanno bisogno è essere ascoltati e comprendere che non si tratta di un abbandono ma di un’assenza temporanea. E se l’ansia è troppo forte e si trasforma in uno stato di trauma emotivo, ti consiglio di prenotare una visita dal veterinario e attendere una sua valutazione prima di dare a Fido qualsiasi tipo di medicinale.

Lascia un commento