Fibre solubili e insolubili, qual è la differenza?

Soddisfare le nostre esigenze di fibre è importante e conoscere la differenza tra fibre solubili e insolubili può contribuire a renderti certo di ottenere il giusto tipo di fibre per raggiungere gli obiettivi che ti sei prefissato. Forse non lo sai, ma non c’è molto in comune tra le due tipologie, se non che sono entrambe classificate come fibra. Ognuno reagisce in modo diverso nel corpo a seconda della loro composizione.

Fibre solubili e insolubili, qual è la differenza?

Solubili e insolubili sono due tipi di fibre alimentari, come abbiamo appena detto, e ognuno di noi ha bisogno di ingerire entrambi per una salute ottimale. Per fortuna, la maggior parte degli alimenti che sono ad alto contenuto di fibre contengono un poco ciascuna, di modo da non necessitare la ricerca di specifiche tipologie di cibo, basta che tu sia sicuro di fornire al tuo organismo la quota giornaliera necessaria.

Per rendere tutto ancora più chiaro, specifichiamo, per chi non lo sapesse, che la definizione di “solubilità” viene attribuita alla fibra che si scioglie in acqua. Sulle etichette, di solito, trovi soltanto la dicitura “fibra alimentare”, ma non è specificato se sono solubili o insolubili. Ci sono, però, alcuni alimenti che sono un po’ più pesanti dell’altro, scopriamo insieme quali sono!

fibre solubili e insolubili

Fibre solubili

Le fibre solubili possono essere sciolte nell’acqua e rallentano la digestione. Questo può sembrarti un fattore negativo in un primo momento, ma forse non sai che può aiutarti in un altro modo. Il primo è questo tipo di fibra ti consente di sentirti pieno e sazio per un lungo periodo di tempo. È anche per questo motivo che può aiutarti a prevenire o a gestire il diabete, perché colpisce lo zucchero nel sangue e la sensibilità all’insulina.

Le fibre solubili possono, inoltre, aiutarti con i livelli di colesterolo. Uno degli alimenti più comuni sono i fagioli i quali sono collegati alla salute del cuore e sono raccomandati per le persone con diabete proprio grazie al loro alto contenuto di fibre. Altri cibi con fibre solubili sono la frutta, la verdura e i cereali.

Fibre insolubili

Le fibre insolubili non possono essere sciolte in acqua e sono note per facilitare il movimento intestinale e renderlo regolare.

Alcuni dei cibi più popolari con alto contenuto di fibre insolubili sono il cavolo, le cipolle, i peperoni e la lattuga. Tracce di fibra insolubile si trovano anche nelle bucce di alcuni alimenti, motivo per cui è importante acquistare prodotti biologici e mangiare tutto, compreso le bucce.

Principali differenze tra fibre solubili e insolubili

La principale differenza tra fibre solubili e insolubili la proverai sul tuo stesso corpo, una volta che le hai ingerite. La prima viene assorbita nel tuo organismo, la seconda no. La prima agisce sul rallentamento della digestione; la seconda, invece, la accelera.

Entrambe sono necessarie per un sistema digestivo completamente funzionale. Non è in alcun modo consigliato dare al tuo corpo solo una delle due per poter trarre tutti i benefici che esse forniscono. È importante cibarsi con una dieta equilibrata che comprende fibre solubili e insolubili. Queste lavorano come un dinamico duo e hanno entrambe proprietà che funzionano meglio in squadra.

Lascia un commento