Aceto, effetti benefici e numerosi usi per la tua salute

Gli effetti benefici dell’aceto riguardano anche le proprietà antitumorali e di contrasto alle riserve di grasso, oltre al fatto che abbassa il glucosio nel sangue, influendo in maniera positiva sui livelli di glicemia.

Acetum, vinum acre, vinaigre, vinegar, vinagre. In una parola: aceto, vino dal sapore aspro. Usato già nell’antichità per la cura dell’uomo, l’aceto sembra proprio essere un toccasana per combattere le allergie, l’artrite, l’asma, la bronchite, i calcoli, la psoriasi, ridurre il colesterolo, l’ipertensione, lo stress.effetti benefici dell'aceto

Certo, è necessario dosarne il consumo, in quanto, in caso di eccesso, potrebbero insorgere problemi gastrointestinali. Esistono numerosi tipi di aceto, utilizzati soprattutto come condimento dei cibi.

Quello di mele, nel quale si trovano diverse vitamine e alcuni minerali tra cui ferro, calcio e magnesio, è conosciuto perché aiuta a dimagrire.

Infatti, se assunto due volte prima dei pasti giornalieri nella misura di uno o due cucchiai diluiti nell’acqua, sembra ridurre l’appetito, accelerare il metabolismo e bruciare le calorie.

Oltre al peso, l’aceto di mele è anche un rimedio naturale per sbiancare i denti e per donare lucentezza e morbidezza ai capelli, purificando quelli grassi.

In commercio non si trova solo l’aceto di mele. Uno dei più diffusi, ad esempio, è quello di vino, ma la scelta spazia anche tra gli aceti prodotti da frutta e cereali, impiegati nei condimenti e come integratori. Vediamone alcuni, disponibili nei negozi di alimentazione naturale e nelle erboristerie.

effetti benefici dell'aceto

Ti piace questo articolo? Visita anche

Effetti benefici dell’aceto e tipologie

Aceto di riso. Usato in Giappone e in Cina, si trova in versione bianca, nera e rossa, e a volte anche zuccherata. Possiede proprietà digestive e depurative.

effetti benefici dell'acetoAceto di cocco. Deriva dalla linfa della palma di cocco, ed è adoperato nella cucina asiatica e in alcune regioni dell’India. È tonico e digestivo.

Aceto di miele. Si ottiene dalla fermentazione del miele addizionato con acqua. È ottimo per disinfettare l’intestino, riduce il colesterolo nel sangue e svolge un’azione di tonico metabolico.

Aceto di lamponi. Si produce facendo fermentare i lamponi e ha un profumo molto intenso. Ha virtù antinfiammatorie, purifica il sangue e migliora la circolazione, donando leggerezza al corpo.

Aceto di ribes. Si tratta di un aceto agrodolce, indicato per chi soffre di attacchi di fame nervosa, avendo un’azione calmante, e per chi desidera prevenire e combattere il deposito di liquidi.

In ultimo, non si può non citare l’aceto balsamico, la cui scoperta è collocata tra l’undicesimo e il dodicesimo secolo.

Tipico delle province italiane di Modena e Reggio Emilia e ottenuto dalle uve Trebbiano e Lambruschi, questo aceto ha proprietà energizzanti, disinfettanti, antinfiammatorie, digestive, lenitive.

Lascia un commento